Un rinoceronte a Milano (WWF)

Il WWF ha voluto dare attenzione ai così detti crimini di natura, e lo ha fatto attraverso un’attività di guerrilla marketing a Milano, a Piazza Cadorna.

Questo il messaggio lasciato: “Dopo settimane di ricerca in rete, quel rinoceronte che si aggirava nelle nostre città, è stato ritrovato a piazza Cadorna, a Milano. Morto. E privo del suo pregiatissimo corno. Era un rarissimo esemplare di Rinoceronte Nero, originario dell’Africa Subsahariana. Le nostre squadre investigative sono prontamente intervenute sul posto per analizzare ogni dettaglio della scena del crimine. A seguito di tali indagini, abbiamo finalmente rivelato chi è stato a compiere questo efferato Crimine di Natura… Sono tante le persone colpevoli di questi massacri. Sono i bracconieri, i trafficanti attivi nel commercio illegale di specie, i trafficanti di droga e i gruppi armati che trovano in questo terrificante giro d’affari un comodo sistema per finanziarsi, ma… anche la nostra stessa società è colpevole di crimini di natura! Diamo infatti impulso a questi traffici, acquistando oggetti realizzati con il sangue di tante specie animali innocenti. Sono i souvenir, le collane, i tappeti, le medicine, i posacenere e altri oggetti, che certo non possono valere la vita di un rinoceronte, di una tigre, di un elefante o di un gorilla”.

WWF ha voluto mettere in scena un Crimine di Natura in una delle piazze milanesi perché queste stragi tocchino da vicino tutti noi. Ha concluso dicendo: “Quella che vi abbiamo presentato oggi era una fiction, ma in Natura questa è realtà.”